Visitare il Monte Sinai: questo è quello che devi sapere

Il Monte Sinai, conosciuto anche come Monte Horeb, è una montagna dell'Egitto che si trova nella parte meridionale della penisola del Sinai luogo sacro sia per i musulmani che per i cristiani. Ecco cosa c'è da sapere...

Visitare il monte Sinai - Foto j. valencia

Il Sinai, la grande penisola che si espande nella parte orientale dell’Egitto e si interpone tra i mari Mediterraneo ed il Golfo di Suez e di Aquaba dai quali si raggiunge il Mar Rosso, è una meta di grande interesse per chi si reca in Egitto, e dovrebbe essere compreso tra gli itinerari da percorrere durante la permanenza nel favoloso paese nordafricano.

Leggi anche: Vacanze a Sharm el-Sheikh, ecco quando andare e cosa ti aspetta

Se sulla costa settentrionale ed anche su quella ad ovest il panorama è desertico e disabitato, la vita ferve invece sulla costa orientale, tra oasi ed insediamenti di beduini e tante attrazioni turistiche.

Il territorio qui è aspro e inaccogliente, il deserto roccioso si staglia sotto un cielo dalle temperature elevatissime, soprattutto durante la stagione estiva.

La maggior parte dei visitatori tuttavia viene qui perché ci sono incredibili paesaggi sottomarini, una delle mete di maggior interesse per tutti gli appassionati di diving ed immersioni.

Ma ci sono anche percorsi di trekking davvero spettacolari, tra canyon e deserti, luoghi sacri e monasteri, oasi e siti archeologici.

Il luogo ha anche un grande valore storico per i religiosi, perché fu qui che secondo la Bibbia Mosè ricevette le tavole con i 10 Comandamenti, ed è luogo sacro anche per i musulmani e per i cristiani.

Non sarà raro incontrare, durante le esplorazioni, monasteri e templi antichissimi come ad esempio il suggestivo Monastero di Santa Caterina nel Sinai.

Come raggiungere il Monte Sinai

Per chi è già giunto in Egitto ci sono diversi modi per raggiungere il Monte Sinai, in treno fino a Porto Said, e poi continuando in bue e minibus, oppure in traghetto attraverso Aqaba in Giordania e Nuweiba, anche se è consigliabile organizzare tutti i percorsi e le tappe prima di partire.

Molto utile è affidarsi agli hotel ed alle compagnie di viaggi che offrono pacchetti di viaggio nel Sinai già organizzati a prezzi prefissati, per evitare sorprese e costi esorbitanti.

Tra le tappe di una visita al monte Sinai un mix di cultura e storia, natura e piacere.

Dahab

Dahab

E’ una tappa bellissima per gli appassionati di spettacolari paesaggi naturali: lungo la costa immersioni e windsurf, all’interno escursioni in compagnia dei beduini e arrampicate nel deserto.

Un’atmosfera rilassante ed avventurosa al tempo stesso hanno fatto di Dahab la meta ideale per i turisti alla ricerca di qualcosa di esclusivo ma anche a prezzi abbordabili.

Il monastero di Santa Caterina, tra i più antichi al mondo, che vuole la leggenda sia eretto nello stesso luogo dove Mosè ricevette le Tavole della Legge.

E’ ancora oggi una meta di pellegrini di tutto il mondo, Vicino al monastero la cittadina di al-Minyaq, dove si trovano molte infrastrutture per l’accoglienza dei turisti.

Na’ama Bay

Na’ama Bay

Sulla penisola del Sinai anche Na’ama Bay, dove si apre il tempio del turismo internazionale di Sharm El-Sheikh, luogo culto per le spiagge e lo stupendo panorama dei mari e dei fondali sottomarini ed anche per la vita notturna.

Taba Heights

Taba Heights

E’ un’altra meta interessante per le bellissime spiagge e punto di partenza di tante escursioni, verso in Canyon Colorato, verso il Monte Sinai, e, naturalmente, le immersioni.

♥ Leggi anche: Le favolose spiagge e il mare di Sharm el-Sheikh

Ras Abu Galum

Ras Abu Galum

Un oasi protetta, è un’altra destinazione fantastica per l’avventuroso viaggio attraverso il deserto in compagnia dei beduini che giunge fino alla costa dove si trovano incredibili panorami sottomarini da visitare con maschera e bombole.

Canyon Colorato

In jeep si raggiunge anche il Canyon Colorato, bellissimo percorso tra magnifiche gole che presentano digradazioni di colore incredibili per via dei minerali presenti nella roccia.

L’erosione degli elementi naturali, nel corso dei millenni, ha aperto questo labirinto di gole che si percorrono in religioso silenzio ammirando le digradazioni cromatiche del rosso, del giallo, del viola, inframmezzato da lingue dorate.

Il monte Sinai offre percorsi di mare e di terra indimenticabili, che lasceranno i visitatori profondamente ammirati e commossi da tanta aspra bellezza naturale.