Viaggio nel Madagascar del Nord: da Nosy Be a Le Mer d’Emeraude

La zona nord del Madagascar è ricca di occasioni di divertimento e d'avventura ecco cosa fare e vedere in questa parte el Madagascar

La differenza fra nord e sud nel Madagascar è più che evidente, basta dare uno sguardo ai due diversi paesaggi: il secondo è per lo più desertico anche se intervallato da foreste spinose e da piccole oasi; mentre il primo è predominato dalle antiche foreste pluviali e dalle maestose montagne (come il massiccio vulcanico del Tsaratanana con la vetta Maromokotra di ben 2,880 m.

Anche qui le immancabili spiagge del Madagascar la fanno da padrone attirando tantissimi turisti anche perchè in questa zona vi si trovano i più famosi atolli del Madagascar (Nosy Be, Mitsio e Radama), isolette per lo più disabitate, circondate da affascinanti barriere coralline, dei veri e propri paradisi tropicali.

Per quello che concerne il periodo migliore per prenotare il vostro viaggio nel Madagascar del nord è preferibile scegliere il periodo che va da maggio a novembre perchè è la stagione secca mentre quella delle piogge va da dicembre ad aprile con un notevole aumento del tasso dell’umidità e la possibilità d’incontrare un ciclone.

La zona nord del Madagascar è ricca di occasioni di divertimento e d’avventura si tratta di stilare un buon itinerario che vi conduca attraverso le bellezze e le attrazioni che questa regione ha in serbo per voi.

Nosy Be

Nosy Be
Nosy Be

Il nostro tour malgascio settentrionale parte da Nosy Be dove s’incontrano scenari da favola fra spiagge e foreste di mangrovie, qui è impossibile perdersi il mercato variopinto e chiassoso mercato, si può prendere il sole sull’arenile e si può fare un giro per il villaggio.

Nosy Tanikely e Nosy Komba, altri due isolotti che sono poco distanti.

Montagna D’Ambre

Da Nosy Be ci si dirige verso  la Montagna D’Ambre dove si trova uno dei più bei parchi naturali del Madagascar, questa riserva presenta una grande varietà di flora (il Jardin Botanique) e fauna endemiche in particolare sette specie di lemuri che possono essere facilmente avvistati.

In definitiva questa riserva è la meta che vi consigliamo se siete appassionati di trekking ed escursioni o anche semplicemente della natura. Da non perdere è  la Petite Cascade una vera e propria piscina naturale ed il Petit Lac, il lago vulcanico.

Diego Suarez o Antsiranana

Antsiranana
Antsiranana

Quindi si raggiunge Diego Suarez o Antsiranana situata su un promontorio che si sporge sopra una baia con un panorama mozzafiato, si presenta come una città dall’aria militaresca, un’eredità della permanenza dell’esercito francese, qui le diverse etnie s’incontrano e s’intrecciano lasciando segni del loro passaggio.

La sera è uno dei momenti più belli per via delle feste che si tengono e dei locali che si animano.

La spiaggia di Ramena

Ramena
Ramena

Quest’itinerario malgascio prosegue verso la spiaggia di Ramena dove si tengono spettacolari cerimonie. E’ possibile effettuare a largo delle gite con le piroghe dei pescatori per i più intrepidi, mentre gli amanti del relax potranno gustarsi il sole comodamente sdraiati sulla sabbia candida.

Le Mer d’Emeraude

Le Mer d'Emeraude
Le Mer d’Emeraude

L’esplorazione nelle attrazioni naturali del Madagascar prosegue nella laguna Le Mer d’Emeraude ovvero il mare di smeraldo a cui si accede solo con la bassa marea ed anche in questo caso occorre far attenzione ai coralli aguzzi che affiorano in superficie.

Fra le baie più interessanti troviamo: la Baia dei Sakalava che è un’insieme di isolotti, la Baie des Pigeons e la Baia delle Dune.

Ambilobe

Ci dirigiamo ora verso Ambilobe adagiata nella valle del Mahavavy dove incontriamo la Riserva speciale dell’Ankarana con le tipiche formazioni dette Tsingy e le grotte del massiccio. Da qui si arriva a Ambanja attravversata dal fiume Antsampahaho quindi si prosegue verso i villaggi dei cercatori d’oro: Daranina e Betsiaka.

Ambatoharanana

Molto affascinante è il villaggio di Ambatoharanana dove si svolgono interessanti cerimonie ed altrettanto bello è Vohemar una città nei pressi di un incantevole scenario naturale dato dalla baia che la sovrasta e dai campi coltivati a caffè e vaniglia che la circondano.

Sambava

L’ultima tappa è Sambava dove si possono visitare le piantagioni di cocco e le riserve naturali di  Marojezy e di Anjanaharibe oltre che le coltivazioni di vaniglia ed il processo di lavorazione della stessa.

Altri utenti hanno letto anche

I più cliccati

Gli articoli più letti e ritenuti più interessanti dai nostri lettori