Visitare Barcellona con bambini ecco cosa fare e vedere

Barcellona è una meta ideale per i bambini, scopri cosa fare e vedere a Barcellona con i tuoi bambini.

Barcellona con bambini
Barcellona con bambini

Barcellona è una delle città europee migliori da visitare se si viaggia con bambini perchè oltre a un fantastico clima e alla vicinanza col mare, offre innumerevoli attività e la possibilità di godere di moltissime aree verdi durante tutto l’anno.

I luoghi dove i vostri piccoli potranno far passare il tempo divertendosi sono molti e distribuiti in maniera uniforme su tutto il territorio cittadino. Qui di seguito ti elenchiamo quelli che potresti provare.

♥ Leggi anche: I 7 hotel in centro di Barcellona più scelti dagli Italiani

Pueblo Espanyol

Pueblo Espanyol
Pueblo Espanyol

Si può iniziare dal Pueblo Espanyol, un recinto dove sono riprodotti i più simbolici edifici spagnoli; quanti decidono di avventurarsi nel dedalo di percorsi a tema possono camminare tra botteghe artigiane, negozi, ristoranti e soprattutto spazi aperti dove correre e giocare.

Il parco tematico si trova sul promontorio del Montjuïc e per raggiungerlo si può utilizzare la piacevole funivia e poi camminare per i moltissimi giardini che vi si trovano intorno.

Il Tibidabo

Tibidabo
Tibidabo

Assolutamente da non perdere il Tibidabo, parco divertimenti adatto per tutti, con attrazioni vecchio stile oltre a spettacoli di marionette, aree giochi e picnic.

È conosciuta anche come la “Montagna magica” e si trova nella zona considerata il polmone verde della capitale catalana, assieme ad altri 14 parchi, tra cui il celeberrimo Parc Güell di Gaudí dove anche i vostri bimbi rimarrano stupefatti per le fantastiche strutture da fumetto e gli edifici fiabeschi.

I parchi naturali

Ci sono poi moltissimi parchi naturali a tema come l’Aquarium, uno degli acquari più grandi d’Europa con le sue 21 vasche e le 400 specie marine ospitate in esse; imperdibile è il lungo tunnel di 80 m dove poter ammirare tre splendidi squali grigi.

C’è poi il Parc Zoològic, uno zoo tra i più grandi della Spagna, dove sono ospitati delfini, tigri, ippopotami e leoni.

Sempre all’interno dello zoo è possibile fare attività specifiche in laboratori e per chi è cresciuto in una metropoli, come può essere la capitale catalana, e non ha tutti i giorni la possibilità di vivere il contatto diretto con la “tradizione contadina” accarezzando capre e conigli nell’area riservata agli animali da fattoria.

Lo zoo è situato in uno dei parchi più belli di Barcellona: La Ciutadella, dove poter passeggiare in giardini e vie ricche di alberi e fiori, dove fare un giro in barca nel lago artificiale presente nel parco o visitare il Museu de Geologia, oltre al sopracitato zoo.
Il bellissimo parco, a cui vi si accede passando per l’Arc de Triomf quindi offre natura, cultura e svago per tutte le età.

Il Cosmocaixa

Cosmocaixa
Cosmocaixa

Se invece si vuole passare una giornata educativa, niente di meglio che una visita al Cosmocaixa, il museo della scienza più importante e conosciuto di Barcellona, in cui i bambini potranno imparare divertendosi grazie alle moltissime attività proposte.

Per viaggiare dall’altra parte del mondo o nelle ere passate, invece, si può andare all’IMAX, il cinema 3D adatto a tutti che proietta film da vedere con degli occhiali speciali che rendono la visione quasi reale.

Museo delle Cere, il Bosc de les Fades e tanto altro

Bosc de les Fades
Bosc de les Fades

Adatti per passare qualche ora sono anche il classico Museo delle Cere, il Bosc de les Fades, un bar-foresta incantanta nel mezzo della Ramblas, il Jardins del Laberint d’Horta, dove poter giocare ad Alice nel Paese delle Meraviglie correndo nel gigante labirinto di siepi, e il Museu Maritim, dove viene presentato il mondo marinaio con tanto di suoni di colpi di cannone, pirati urlanti e una ricostruzione di un galeone spagnolo a grandezza naturale.

Le spiagge barcellonesi

Infine non si può lasciare la capitale senza almeno passare un pomeriggio nelle attrezzatissima spiagge barcellonesi, con aree gioco e chiringuitos (piccoli bar), tra cui spiccano le platges del Port Vell e del Port Olimpíc, dove passeggiare o fare un bagno durante i lunghi mesi estivi.

A tutto questo, si deve aggiungere la cultura degli spagnoli molto più aperta nei riguardi dei bambini, con stanze di allattamento e fasciatoi in quasi tutti i servizi, piccole giostrine in molti ristoranti e tariffe vantaggiose offerte sia negli hotel, che dalle ferrovie statali, che rendono il soggiorno ancor pìù piacevole.

♥ Altri utenti hanno letto: Top 5 attrazioni da non perdere al Porto di Barcellona