Vita notturna a Barcellona: un dovere divertirsi!

Cosa fare alla sera a Barcellona? Ecco qualche consiglio e spunto per passare una piacevole e divertente serata a Barcellona

Il divertimento, la parte ludica e spensierata in una vacanza sono elementi indispensabili, non un surplus che ci si concede dopo aver assolto i compiti del bravo turista, quali musei, arte, chiese, ma quasi un dovere del viaggiatore.

Dedicare parte del tempo del nostro viaggio a cibo e uscite serali ci permetterà di calarci con pienezza nello stile di vita della popolazione locale, carpendone gesti, modi fare, atteggiamenti.

Il loro comportamento nel intrattenere relazioni interpersonali e nell’intendere il concetto di divertimento, evasione sarà un forte input per noi e per il nostro personale bagaglio.

Una serata a Barcellona… cosa fare

Lasciate da parte quindi che dice che la sera non ha voglia di uscire perché l’indomani non fa in tempo a visitare una chiesa, perché non è entrato nel giusto spirito di condivisione.

Questo discorso generico e concettuale va moltiplicato per dieci se stiamo parlando del soggiorno a Barcellona, qui la vita notturna è colorata e frizzante e non viverla sarebbe aver viaggiato a metà.

Dunque una buona serata inizia con una cena che deve far rivivere tutti i sapori locali, le pietanze devono stimolare reazioni visive, la gastronomia e l’arte culinaria di un popolo è essenziale per impararne le caratteristiche.

♥ Leggi anche: Barcellona: storia, cosa fare, cosa vedere

A Barcellona sulla tavola non potranno mai mancare le tapas, che sono stuzzichini vari di una moltitudine di cibi tipici, così sul vostro tavolino spesso in legno scuro vi ritroverete invasi da fritturine di calamari, palmito (il cuore dell’albero della palma), prosciutto iberico che è un piacere per il gusto che non si può descrivere.

La rambla
La rambla

Nulla di tutte queste delizie ha senso senza l’accompagnamento di una birra fresca e grintose.

Tra chiacchiere e assaggini andrete avanti per ore, mentre sulla strada, nella rambla, ci saranno mimi, giocolieri, artisti di strada e cantanti più o meno improvvisati ad allietare la vostra permanenza e a dare un tocco di individualità e personalità al calar del sole.

Grazie al clima di Barcellona, mite e temperato e alla presenza del mare le serate saranno davvero piacevoli, con quel leggero venticello, la brezza che renderà il tutto ancora più leggero.

Poi si prosegue la serata e qui la scelta è vasta, ogni gusto verrà soddisfatto, ci sono festival di musica sperimentale, sagre tradizionali molto suggestive, locali, discoteche e bar semplici ma che con il tempo son diventati di grande tendenza.

Per chi ama il sapore dell’alcool, c’è un bar dove si può gustare l’assenzio, che per i più informati è il liquore con altissimo tasso di gradazione alcolica che ispirava i poeti maledetti come Baudelaire, è un’esperienza che ha qualche sfaccettatura di misticismo.

Il divertimento a Barcellona è sempre in fase di sperimentazione ed infatti l’ultima tendenza sono i locali dove si beve, si balla, ma dove è anche possibile acquistare capi d’abbigliamento, una boutique danzante insomma che mette d’accordo  molti.

Razzmatazz
Razzmatazz

Impossibile non nominare il Razzmatazz che con le sue cinque enormi sale crea una commistione di generi musicali, ospitando i migliori dj, per i più appassionati di musica e novità nel campo, questo posto è davvero un must.

Numerosi i locali nei quali potrete assaggiare cocktail alla frutta freschi e naturali.

♥ Leggi anche: Attrazioni da non perdere al Porto di Barcellona

Quando anche questa fase della serata è giunta alla conclusione, Barcellona offre l’ennesima alternativa allo statico sonno nella vostra stanza d’albergo, ci si può infatti recare ad un afterhour e ce ne sono molti nella città, per chi di smettere di divertirsi non ha alcuna voglia.

Vedrete così l’intera popolazione e non soltanto quella giovanile muoversi nelle ore dopo il tramonto, con la loro attitudine alla convivialità, senza la frenesia dell’apparire come viveurs e assidui frequentatori di locali (alla Milano bene per intenderci), ma soltanto con una sana voglia di assaporare il significato della parola insieme.