Week End a Parigi: i posti Top da vedere in 3 giorni (con mappa)

Ecco i posti assolutamente da non perdere, con tanto di mappa, da vedere a Parigi in un week end (3 giorni).

Se vuoi sapere cosa vedere in un week end a Parigi (2-3 giorni) senza perderti i posti più famosi con qualche consiglio utile, questa è la guida che devi leggere!

Parigi non è solo una delle città più romantiche d’Europa ma è anche una delle città più visitate del mondo. Ci sono infiniti motivi per visitare Parigi ripetutamente: è una città bella e culturale, molto percorribile a piedi, con splendidi panorami, ed è stata fonte di ispirazione per molti scrittori, artisti e registi.

“Parigi è sempre una buona idea”, cit. Audrey Hepburn.

La sua atmosfera retrò, i café con i tavoli all’aria aperta, lo stile delle sue case. Ogni cosa fa sospirare.

Abbiamo già elencato i monumenti più famosi da vedere a Parigi, ma quando si arriva a Parigi per un weekend o con solo 2-3 giorni a disposizione è necessario scegliere bene come passare il tempo per riuscire e non perdere nessuna delle attrazioni che rendono la capitale della Francia così unica e magica.

Quando vedere Parigi

Qual è il periodo migliore per visitare Parigi? Tutte le stagioni a Parigi hanno il loro fascino e se puoi visitare la città più di una volta, prova a farlo in stagioni diverse per un’esperienza parigina diversa.

In primavera, temperature perfette, né caldo né freddo si può camminare a lungo senza sudare, e l’esuberanza degli alberi in fiore e la bellezza dei ciliegi sono perfetti per delle foto meravigliose.

L’estate è la stagione più folle a Parigi, l’alta stagione in cui tutti turisti vogliono andare e i parigini al contrario non vedono l’ora di partire. Ma l’estate è anche la stagione delle feste più belle, degli aperitivi in ​​terrazza e delle serate sotto le stelle.

In autunno Parigi torna alla tranquillità e può coccolare i suoi ospiti. Il fogliame autunnale nei parchi di Parigi è qualcosa da vedere, come per la primavera anche in questo periodo dell’anno le temperature sono perfette.

Quando arrivano l’inverno e le vacanze invernali, le strade di Parigi si illuminano per rivelare il loro incanto, ovviamente se hai la possibilità ti consigliamo di passare 2 giorni a Parigi nel periodo di Natale.

Come raggiungere il centro di Parigi dall’aeroporto

Devi sapere che gli aeroporti di Parigi sono 3 e con circa 100 milioni di passeggeri che vi transitano ogni anno, sono uno dei sistemi aeroportuali più movimentati non solo d’Europa ma anche del mondo.

Che si atterri all’aeroporto Roissy Charles de Gaulle (CDG) all’aeroporto di Orly (ORY) o all’aeroporto di Beauvais (BVA) ci sono diverse opzioni per raggiungere Parigi e dare inizio con la visita dei posti da vedere.

P.S. Se non vuoi perdere tempo, e magari è una delle tue prime volte a Parigi o arrivi ad orari assurdi puoi andare sul sicuro prenotando subito questo servizio di transfer, comodo e puntuale un servizio davvero da 10 e lode (è possibile prenotarlo fino a 18 ore prima).

Roissy Charles De Gaulle

Il Roissy Charles De Gaulle a 25km da Parigi è l’aeroporto più comodo per raggiungere la Ville Lumière e qui puoi scegliere tra più opzioni disponibili:

  • Roissybus (€12,00) Bus che collegano l’aeroporto con il centro di Parigi (Opéra) in circa 60-75 minuti con disponibilità tra le 5 e le 6 di mattina fino a 00:30 circa.
  • RER B (€10,30) Il comodo treno che connette l’aeroporto Charles de Gaulle con il centro in circa 30 minuti fino alla Gare du Nord (altre fermate disponibili) Gli orari variano tra le 5 di mattina circa fino a mezzanotte.
  • Uber – Se arrivi tardi, e non hai prenotato il servizio di transfer di cui sopra, prendi in considerazione anche l’opzione Uber. Con Uber Pool (corsa condivisa) paghi all’incirca lo stesso prezzo del treno ma con il vantaggio che ti porta direttamente di fronte all’ hotel.

Aeroporto di Orly

Un altro aeroporto a cui appoggiarsi grazie ai voli low cost (principalmente Transavia e Vueling) è quello di Orly. A soli 17km di distanza a tra i tre è il più vicino di Parigi. Per raggiungere il centro di Parigi da qui si hanno 4 possibilità (oltre ai taxi):

  • Orlybus (€ 8,30) Connessione bus tra aeroporto e Parigi (Place Denfert-Rochereau) in circa 30 minuti. Attivo tra le 5:30 circa di mattina fino a mezzanotte.
  • Le Bus Direct (€12,00) arriva fino a le Champs Elysees con fermate a Trocadero, Tour Eiffel e Gare Montparnasse
  • RATP (€2) autobus di linea ma fa parecchie fermate
  • Orlyval (€ 9,30) Linea ferroviaria che collega in 30 minuti l’aeroporto con la Gare Du Nord tra le 6 di mattina e le 23:30.

Aeroporto di Beauvais

Il 3° aeroporto in odine d’importanza è quello di Beauvais a circa 80km da Parigi, anche questo come il precedente ha una forte vocazione low cost, in quanto usato principalmente da Ryanair e Wizz Air.

Per raggiungere Parigi c’è solo un modo (oltre al transfer di cui sopra) ed è il bus navetta. Con €15.90 è possibile prendere la navetta che in 1 ora e 30 ti porta direttamente alla stazione di Porte Maillot, da qui poi potrai raggiungere qualsiasi punto della città.

Con circa 200€ (tieni conto che sono circa 80km) è possibile anche prendere un taxi che da l’aeroporto di Beauvais ti porta direttamente davanti al tuo hotel.

Come muoversi a Parigi

Come per altre città la cosa migliore è camminare.

Parigi è veramente grande e se si ha solo un week end a disposizione purtroppo potrebbe non essere semplice.

Ovviamente ci sono tanti luoghi raggiungibili con delle belle passeggiate tra una stazione e l’altra, tutto sta alle tue gambe. Camminare, soprattutto in una città come Parigi, è bello, fa bene al cuore e all’anima e in più non si sente nemmeno la fatica in quanto continuamente distratti da ciò che ci circonda.

La soluzione preferibile per chi ha il tempo contato è quella di prendere la metro e passare da un punto turistico all’altro per risparmiare tempo.

Per la metropolitana a Parigi ci sono più opzioni, ma le migliori sono:

  • il carnet da 10 viaggi (€ 14,90)
  • la Paris Visite da 1 o 2 giorni e valida per le zone 1-3 (da € 12,00 a € 19,50).

Per avere maggiori informazioni sulla Paris Visite e sui trasporti parigini ti consigliamo di guardare il sito ufficiale dei trasporti.

Week end a Parigi: Cosa vedere in 3 giorni

Nonostante il tempo a disposizione possa sembrare poco, ti aiuteremo a mettere in pratica un piccolo tour per vedere Parigi in 3 giorni che ti aiuterà a non perderti nulla di questa magnifica città.

Avendo solo pochi giorni a disposizione per visitare Parigi bisogna cercare di racchiudere il tutto in poche ore, quindi sappi già che la sveglia suonerà molto presto se vuoi sfruttare al meglio il tempo per goderti la capitale francese.

Organizzati anche con uno zainetto per mettere dell’acqua e qualcosa da mangiare, scarpe comode, smartphone alla mano e via… si parte!

1° giorno: Montmartre – Sacre-Coeur – Sinking House Of Montmartre – Espace Dalì – Moulin Rouge

Per comprendere al meglio cosa vedere a Parigi in un week end partiamo proprio dal tuo primo giorno. É giunto il momento di raggiungere uno dei quartieri più belli di Parigi: Montmartre.

Montmartre
Montmartre

Seppur sia uno dei più turistici, il quartiere di Montmartre è un po’ la quintessenza dell’idea parigina che aleggia nella mente di ogni essere umano.

Ti consigliamo di scendere alla fermata metro Abbesses, che si trova proprio di fronte al Wall of Love – il muro dei Ti Amo in tutte le lingue del mondo.

Trattandosi proprio del giorno “di approdo” alla città proveremo a ridurre al minimo gli spostamenti facendo in modo che la visita possa essere concentrata in metà giornata.

Cominciamo quindi da un quartiere che rappresenta la vera anima di Parigi, parliamo di Montmartre.

Parliamo infatti del mitico quartiere degli artisti situato nella parte nord di Parigi. L’aria che si respira qui è quasi magica, le piccole vie che attraversano il quartiere sono ricche di caffè, bistrot e negozi tipici.

Tra i più interessanti il Moulin de la Galette, dove assaggiare i piatti tipici della cucina francese, e la Boulangerie Mauviex dove troverai delle incredibili baguette.

Alcuni tra i cafè più famosi – come Le Consulat o La Mansion Rose – hanno sede qui e trascorrere un po’ di tempo passeggiando per Montmartre sarà sicuramente una carezza per l’anima.

Proprio a Montmartre hanno trovato ispirazione grandi artisti del secolo scorso, a cominciare da Monet e Picasso che proprio qui avevano le loro botteghe.

Mentre ti trovi a Montmartre puoi anche raggiungere la piccola collinetta sede della splendida Basilica del Sacre-Coeur dalla caratteristica colorazione bianca.

Per evitare i numerosi gradini c’è da dire che potrai utilizzare anche una comoda funicolare; da lassù il panorama di Parigi è un vero spettacolo!

Sinking House
Sinking House

Una volta ammirato il panorama su tutta Parigi e dopo aver visitato la Basilica, prova a buttare l’occhio sul giardino a lato dove – grazie ad una particolare illusione ottica – si trova la “Sinking house” (la “casa che affonda”).

Ovviamente l’effetto è dato dall’inclinazione della macchina fotografica al momento dello scatto. Niente di eclatante, però è decisamente inusuale.

Che si tratti di un week end a Parigi o di un viaggio più lungo, questo luogo è veramente imperdibile.

Nello stesso quartiere le forme d’arte sono molteplici ancora oggi, immancabile una visita all’Espace Dalì che ospita una permanente proprio su Salvador Dalì; due piani accolgono più di 300 opere del maestro del surrealismo.

Ma Montmartre è anche il regno del cabaret, proprio qui troverai il celeberrimo Moulin Rouge che dal 1889 è il tempio sacro del cabaret parigino che ancora oggi propone un gran numero di spettacoli.

Prima di lasciare la zona passa per una foto in uno dei campi da basket più più belli e instagrammabili del mondo: il Playground Duperré


2° giorno: Museo d’Orsay – Chiesa Saint Germain – Notre Dame – Quartiere Latino – Place des Vosges

Museo d’Orsay

Stiamo scoprendo cosa vedere a Parigi in 3 giorni cercando di vivere giorno per giorno un’esperienza che ti faccia scoprire il massimo di questa grandiosa città, in poco tempo.

Per questo al secondo giorno non potevamo fare a meno del Museo d’Orsay uno dei musei più famosi di Parigi dove troverai le più importanti opere del periodo che va dal 1848 al 1914, oltre ai più celebri dipinti dei pittori impressionisti.

Ti consigliamo vivamente di partire dal 6° piano dove si trovano le opere di Van Gogh, Gauguin, Monet, Renoir, Cézanne e Degas – la visita dura dalle 2 alle 4 ore quindi valuta di fare o meno la visita in base ai tuoi tempi.

Un altro luogo a pochi passi dal Museo d’Orsay che rientra in questa piccola guida su cosa vedere a Parigi in 3 giorni è la Chiesa di Saint Germain-des-près; si tratta dei ruderi di una antichissima abazia che ti lascerà col fiato sospeso, ti consigliamo per questo di visitarla anche se velocemente.

Notre Dame

Proseguendo ancora a piedi, attraversando la Senna troverai la spettacolare facciata gotica della cattedrale di Notre Dame (chiusa dal 2019 a causa di un incendio).

Qui si poteva salire sulle sue torri per apprezzare una visuale di Parigi del tutto simile a quella che si presenta salendo sulla Torre Eiffel oppure potrai decidere di visitare la cripta che contiene numerosi cimeli del passato.

Notre Dame rientra anche tra i Patrimoni dell’Umanità dell’UNESCO. Parecchio interessante risulta anche il giardino che costeggia la cattedrale più famosa della città.

Sempre qui nella Île de la Cité, e se i tempi te lo permettono, troverai anche la Conciergerie, la dimora storica del potere reale parigino divenuta poi anche prigione durante la Rivoluzione Francese – dove Maria Antonietta trascorse i suoi ultimi giorni prima di essere ghigliottinata.

P.S. Puoi scoprire che cosa è successo nell’incendio di Notre Dame, esplorare l’interno della sua “sorella piccola” e visitare l’Ile de la Cité tramite una guida in italiano che puoi prenotare da qui

Da qui spostati momentaneamente sulla rive gauche per una passeggiata nel Quartiere Latino, sede della famosa università parigina Sorbona.

Uno dei posti che ti consigliamo di visitare è Place des Vosges, una piccola piazza/parco che in primavera è il luogo perfetto per un break.


3° Giorno: Louvre – Place de la Concorde – Champs-Elysées – Arco di Trionfo

Eccoci quindi al terzo e ultimo giorno di questa guida su cosa vedere a Parigi in 3 giorni.

Te lo diciamo subito, si tratta di un itinerario abbastanza impegnativo ma concludiamo davvero in bellezza con le principali attrazioni della città.

Il Louvre

Non potevamo dimenticare il Museo del Louvre, (in questo articolo abbiamo scritto Cosa vedere al Louvre ) la divisione in settori permette di visitare ciò a cui sei realmente interessato anche se non dovresti assolutamente perderti l’enigmatica Gioconda di Leonardo da Vinci.

Anche qui l’acquisto anticipato del biglietto ti permetterà di saltare le lunghe file. Se è una delle tue prime volte al Louvre ti consigliamo di acquistare il biglietto saltafila + guida in italiano da qui – ti prenderà circa 2 ore.

Terminato il giro al Louvre non potrai perderti un passaggio da Place de la Concorde per raggiungere gli Champs-Elysées fino all’Arco di Trionfo.

Andando con ordine, la Place de la Concorde si caratterizza per la grande ruota panoramica, l’obelisco e i grandi giardini mentre dopo aver superato Rond-Point la situazione cambia visto che gli edifici si fanno sempre più fitti.

All’interno trovano posto le più esclusive boutique della città ma anche ristoranti e bistrot di grande fascino.

Arco di Trionfo
Arco di Trionfo

Proseguendo, l’Arco di Trionfo lo troverai proprio di fronte. Anche qui potrai salire fino all’apice di questo vero e proprio simbolo di Parigi per godere di una vista incredibile.

Quindi per concludere questo viaggio alla ricerca di cosa vedere a Parigi in 3 giorni non possiamo dimenticare la Torre Eiffel; il vero simbolo di Parigi (e della Francia) la sera diventa uno spettacolo di luci.

Un bel pic-nic ai piedi della Tour Eiffel racchiude un po’ tutta la magia dell’immaginario parigino.

Da qui, se ti avanza tempo, puoi decidere se aggiungere un punto di vista differente al tuo week end a Parigi: potresti infatti provare l’esperienza di salire sulla torre e ammirare la capitale dall’alto.

Lo sapevi che? Secondo YouTube, la Torre Eiffel è uno dei luoghi più romantici da proporre al mondo. Dal lancio di YouTube nel 2005, la Torre Eiffel è sempre tra le prime 10 posizioni per proposte nel mondo, battuta solo in Francia da Disneyland Paris!

Torre Eiffel – Foto S. Galyonkin

La Torre Eiffel rimane aperta ogni giorno fino alle 23.00 di inverno e fino a mezzanotte di estate. Ti consigliamo anche in questo caso di prenotare i biglietti in anticipo saltando la fila, salendo fino alla cima.

P.S. A tal proposito qui puoi acquistare i biglietti salta fila per salire sulla Torre Eiffel. Sono più cari del biglietto “originale” ma garantiscono l’accesso prioritario, quindi il risparmio di tempo.

Da qui, in base al tempo rimasto, ti consigliamo di spostarti con una bella passeggiata – magari passando dal ponte Bir Hakeim (reso famoso grazie ad una bellissima scena del film Inception) – per raggiungere il Trocadero da dove ammirare il tramonto vedendo la Tour Eiffel illuminarsi di fronte ai tuoi occhi e via di foto a più non posso!

Mappa dei posti da visitare a Parigi

Ecco la mappa suddivisa in 3 giorni utile per capire come orientarti al meglio durante la visita. Il tour è davvero bello pieno quindi grazie alla mappa puoi organizzarti al meglio e magari saltare qualcosa per dedicare più tempo ad altro.

Cosa vedere a Parigi: 1 consiglio

Abbiamo visto cosa vedere a Parigi in 3 giorni e abbiamo anche capito che la capitale francese può essere visitata anche in soli tre giorni.

La nostra guida ti permetterà infatti di non rinunciare ai monumenti e alle attrazioni più interessanti della città, grazie a questa possibilità potrai davvero poter dire di avere visitato quasi ogni cosa di una delle più interessanti capitali d’Europa.

Se proprio non dovesse bastare, come ultima cosa del terzo giorno ti consigliamo anche una cena su uno dei tanti battelli che ogni giorno attraversano la Senna, un’occasione romantica per salutare questa incredibile città.

Ti potrebbe fare comodo anche Next Stop Paris l’applicazione di riferimento per visitare Parigi. Accessibile in modalità offline e disponibile in 10 lingue

Dove dormire 3 giorni a Parigi

Visto il poco tempo a disposizione ti consigliamo un hotel centrale e ben collegato, in modo da non perdere tanto tempo con gli spostamenti.

Durante i 3 giorni a Parigi ti consigliamo La Maison de Léa un carinissimo b&B con una posizione ottima a soli 7 minuti a piedi dalla Bastiglia, in una zona ricca di locali e di vita per la sera, ed è comodo per raggiungere ogni punto importante per un week end sia a piedi che con i mezzi pubblici.

Altri utenti hanno letto anche

I più cliccati

Gli articoli più letti e ritenuti più interessanti dai nostri lettori