Yucatán, ecco cosa vedere in questa stupenda penisola messicana

Cosa fare e vedere nello Youcatan, famoso per le spiagge sul Golfo del Messico e le rovine maya ecco alcuni consigli su questo stato messicano

Yucatán - Foto G. Brancato

La città più ricca di cultura, di tradizioni, e diprove tangibili delle civiltà passate, in tutto il Messico, è senza dubbio lo Yucatan.

Naturalmente la civiltà a cui facciamo riferimento sono i Maya che fu distrutta dall’arrivo dei conquistadores; a tutt’ora i reperti ed i siti archeologici dove erano situate le loro città sono visibili e costituiscono uno dei più grandi patrimoni culturali di questa nazione oltre che la più grande  fra le attrazioni messicane.

2 parole sullo Yucatan

La penisola dello Yucatan (che significa luogo di ricchezza) si trova a sud-est nella nazione messicana attorniata dal Golfo del Messico e dal Mar dei Caraibi.

Il meraviglioso mare

La capitale di questo stato è Merida, la città più estesa senza dubbio, seguono Izamal che è di dimensioni inferiori ma dove vi si concentrano più siti archeologici e Chichen Itza, Progreso con le sue splendide spiagge e Uxmal un altro importante centro culturale.

ChichenItza – Foto George1018

L’atmosfera che si respira in generale è di calore, gioia ed accoglienza e lo Yucatan è davvero per tutti i gusti: luoghi romantici, spiagge per i patiti della tintarella, storia e reperti per gli amanti dell’archeologia e tanto altro.

Come spostarsi nello Yucatan

Per spostarsi nello Yucatan, essendo uno stato molto esteso, si consiglia di noleggiare un auto per muoversi più agevolmente in totale indipendenza e di munirsi di mappe e cartine stradali che si trovano ovunque.

Non sono consigliabili i mezzi di trasporto pubblici perché solitamente sono affollati e lenti e non vi sono treni.

Dove dormire nello Yucatan

Hotel Posada San Juan

Ovviamente prima di pensare a come spostarsi è necessario trovare una sistemazione e qui abbiamo decisamente l’imbarazzo della scelta, si può optare infatti per uno dei tanti hotel dello Yucatan o per un alloggio molto economico e molto spartano in cui si dorme ognuno nella propria amaca (i servizi igienici sono garantiti) o ancora una pensione essenziale ma pulita con bagno privato o infine si può scendere una fra le tante haciendas, case tipiche messicane che offrono ospitalità ai turisti.

Cosa e dove mangiare nello Yucatan

Pollo Pibil

Di ristoranti nello Yucatan ne troviamo una quantità enorme e tutti offrono prelibate specialità del luogo, fra queste vi suggeriamo: il Pollo Pibil, la Sopa de Lima (con pollo e succo di limone), il Poc Chuc un piatto di tenera carne di maiale condita da chimole (salsa piccante) e se vi capita assaggiate qualche piatto a base di cervo. Il tutto accompagnato da una birra come la Michelada (con succo di limone e spezie che si beve fredda) o la scura Leon, se non amate gli alcolici allora vi suggeriamo le spremute fresche di frutta locale.

Cosa vedere nello Yucatan

Merida

E arriviamo al vero e proprio tour nello Yucatan, fra le sue bellezze e le sue attrazioni.
La prima tappa è Merida, una città dotata di grande fascino in cui si organizzano sovente eventi culturali e dove si posso prenotare itinerari nei vicini siti archeologici.

Fra gli edifici di principali interesse troviamo:

  • la cattedrale risalente al XVIII sec.,
  • il palazzo del municipio in stile coloniale, sede anche del museo
  • il Peon Contreras teatro.

Si consiglia una passeggiata nella via principale il Paseo Montejo fiancheggiata da ristoranti, negozi e alberghi.

Da Merida si raggiungono facilmente le zone balneari costiere (Progreso, Chiburna, Chelem), ci soffermiamo in particolare su Chicxulub in un cui si trova il cratere formatosi nell’impatto al suolo di un meteorite di ben 65 milioni di anni fa di cui oggi sono visibili i segni.

Allontanandoci di circa un’ottantina di km incontriamo Celestun, un villaggio di pescatori dimora anche di pellicani, granchi blu e fenicotteri rosa. E’ il luogo ideale per chi ama la natura e l’esplorazione, le escursioni nelle foreste di mangrovie, le nuotate nei fiumi o per l’appunto il bird watching.

Imperdibili una visita al faro più alto dello Yucatan e una passeggiata nel Parco Naturale di Celestun.

Ritornando al nostro punto di riferimento che è Merida ci spostiamo verso est di circa 60 chilometri e troviamo Izamal la cui peculiarità sta nella conservazione dell’architettura coliniale (ad esempio il  Convento de San Antonio de Padova).

Altri due luoghi d’interesse nello Yucatan sono:

  • Valladolid nota per la cattedrale di San Bernardino, i musei, lo zoo, le spiagge ed i cenote ovvero le grotte naturali;
  • Chichen Itza anch’essa famosa per i musei (la Merle Greene Galleria ad esempio), le accoglienti haciendas, le spa, il Tempio delle Mille Colonne, l’Osservatorio e la Piramide di Kukulcan.
Uxmal – Foto Maton

Ed infine come ultima tappa ci riserviamo la città di Uxmal (160 km circa da Chichen Itza) una delle più antiche città Maya dello Yucatan che presenta molti monumenti archeologici intatti come la Piramide dell’Indovino (si suppone che fosse la residenza dei sacerdoti), il Quadrilatero delle Monache, il Palazzo del Governatore (nei pressi si trova la Casa dei Piccioni), la Casa delle Tartarughe, il Sferisterio, la Casa della Vecchia, il Gruppo del Cimitero, il Tempio dei Falli.