Musei a Firenze: i 10 più famosi da vedere

Ecco i 10 musei a Firenze da vedere assolutamente soprattutto se è una delle tue prime volte in visita nella Culla del rinascimento

Tra le tante cose da vedere a Firenze non possono mancare i musei: a Firenze che da soli potrebbero giustificare la visita alla città, qui infatti si trovano secoli di storia, dai ritrovamenti archeologici risalenti alle origini della città alle opere d’arte di artisti famosi in tutto il mondo.

Ti basta sapere che che nella classifica dei TOP 15 musei d’arte più visitati in Italia, pensa che un terzo è costituito proprio dai musei di Firenze.

I musei di Firenze sono infatti tantissimi e ricchi di cultura su più livelli: basti pensare ad esempio alle 45 sale che compongono la splendida Galleria degli Uffizi; va detto che perdersi fra i musei di Firenze rimane oggi una delle attività preponderanti di chi si reca in città, un’attività che ti impegnerà gran parte delle tue giornate trascorse fra le meraviglie della città del Giglio.

A sovrintendere ai musei di Firenze c’è una vera e propria istituzione pubblica, quella del Polo Museale Fiorentino che si occupa di gestire tutti i musei cittadini oltre alle numerose ville storiche della città per un complessivo, fra opere d’arte e reperti vari, di oltre 300mila elementi.

Capirai bene che immergerti in questa complessa ricchezza culturale è praticamente impossibile se hai poco tempo a disposizione… quindi da dove partire? Quali musei visitare per prima? Quali i più famosi musei da vedere?

Non preoccuparti, qui sotto ti abbiamo messo i 10 musei di Firenze più famosi e visitati, quindi se non hai idea da dove partire, semplice parti dal primo!

Musei a Firenze quando si entra gratis

Una possibilità molto ghiotta per godersi i musei di Firenze nell’assoluta gratuità viene fornita da alcune iniziative che permettono di apprezzare le bellezze del posto senza sostenere il costo del biglietto. Fra le possibilità più importanti, e ormai molto nota, c’è quella offerta dal MiBACT ovvero il Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo denominata “Domenica al Museo”.

A partire dal mese di ottobre, e fino a marzo, il Ministero prevede l’ingresso gratuito presso tutti i musei e le aree archeologiche dello Stato ogni prima domenica del mese. Questo è il sito ufficiale del MiBACT per maggiori dettagli.

Fra i musei di Firenze interessati dall’iniziativa ci sono i seguenti:

  • Galleria degli Uffizi
  • Galleria dell’Accademia
  • Museo delle Cappelle Medicee
  • Musei di Palazzo Pitti
  • Museo Nazionale del Bargello
  • Cenacolo di Andrea del Sarto
  • Museo della Casa Fiorentina Antica di Palazzo Davanzati
  • Museo Archeologico Nazionale

Un’ulteriore possibilità di ingresso gratuito presso i musei di Firenze è fornita dalla Domenica del Fiorentino, divenuta “Domenica Metropolitana”. In questo caso tutti i residenti a Firenze e provincia possono godere dell’ingresso gratuito presso i Musei Civici Fiorentini durante la seconda domenica di ogni mese.

Galleria degli Uffizi: uno dei musei più famosi al mondo

Galleria degli Uffizi
Galleria degli Uffizi

Non potevamo che cominciare questo itinerario fra i musei di Firenze con la meravigliosa Galleria degli Uffizi. La Galleria rappresenta infatti uno fra i luoghi dove arte e cultura raggiungono il punto più alto a livello globale.

Nel 1560 la Galleria degli Uffizi nasceva in un luogo povero e malfamato della città, come sede delle magistrature fiorentine secondo il volere di Cosimo I de’ Medici. L’edificio a forma di U del Vasari divenne quindi il primo museo sorto nell’Europa Moderna.

Una delle stanze
Una delle stanze

La descrizione del Museo degli Uffizi appare quindi piuttosto complicata in virtù della enorme disponibilità di elementi, arte, prodotti e cultura. Le 45 sale del Museo sono ricche di suggestioni che si sprigionano dal parterre incredibile di opere esposte. Le collezioni di quadri e sculture che si riscontrano all’interno sono protagoniste di un periodo unico come quello che va dal Trecento al Rinascimento.

Non è un caso che all’interno delle sfarzose sale degli Uffizi trovano posto vere e proprie divinità dell’arte: all’interno troverai opere di Michelangelo, Caravaggio, Leonardo, Botticelli, Beato Angelico, Piero della Francesca, Giotto e davvero tanti altri.

Il Museo degli Uffizi ospita inoltre veri e propri capolavori come la Venere di Botticelli, la Madonna col Bambino di Antonello da Messina, l’Annunciazione di Simen Martini, l’Adorazione dei Magi di Leonardo e anche la Testa della Medusa del Caravaggio: elencarli tutti è davvero impossibile. Molto interessante la Sala 46 con la selezione di opere degli spagnoli Velázquez.

All’esterno, nel porticato di ingresso, potrai apprezzare le 28 statue dei Grandi della Storia di Firenze.

Prezzi e orari di visita

Palazzo Vecchio

Il vero simbolo della città di Firenze è sicuramente il suo Palazzo Vecchio. Parliamo di una costruzione risalente al XIII Secolo, eretta per fare da sede ai Priori e al Gonfaloniere di Giustizia della città sulle ceneri di un palazzo della famiglia ghibellina degli Uberti.

Palazzo Vecchio
Palazzo Vecchio

Le contrapposizioni fra le famiglie dell’epoca sono presenti nell’architettura del palazzo a cominciare dal ballatoio con merlatura denominata guelfa e dalla torre con merlatura ghibellina.

Il Palazzo Vecchio, così come lo vedi oggi, è però il frutto di molteplici modifiche susseguitesi lungo il corso dei secoli: la torre decentrata deriva dall’aver sfruttato il progetto già esistente.

All’interno del Palazzo Vecchio di Firenze oggi ha la propria sede il Comune e anche un ricco Museo. Sempre al suo interno vengono custoditi storia e segreti di Firenze. Bellissimo il Salone dei Cinquecento che fu sede della disputa artistica fra Leonardo Da Vinci e Michelangelo Buonarroti.

Fra i musei di Firenze non si può fare quindi a meno di citare quello all’interno di Palazzo Vecchio. Da vedere i bellissimi affreschi che decorano proprio il soffitto a cassettoni del Salone dei Cinquecento utili allora per esaltare il potere della Signoria. All’interno dello stesso Salone trova posto Il Genio della Vittoria di Michelangelo e anche il ciclo delle Fatiche di Ercole.

Impossibile rinunciare anche ai capolavori di Donatello presenti già all’ingresso del museo: le statue di Giuditta e Oloferne.

Bellissima anche la copia della Statua del David che già dal 1504 si trova davanti all’edificio. A Palazzo Vecchio si conserva anche la maschera funebre di Dante Alighieri.

Galleria dell’Accademia, la casa del David di Michelangelo

Fra i musei di Firenze, dopo la Galleria degli Uffizi, tra i più popolari c’è sicuramente la Galleria dell’Accademia nota anche come Museo di Michelangelo visto che ospita la collezione più estesa di statue appartenenti al grande artista rinascimentale.

La Galleria risale al 1784 quando il Granduca Pietro Leopoldo pose le basi a quello che doveva rappresentare il luogo di studio per gli allievi della Accademia di Belle Arti: oggi si trovano proprio all’interno della Galleria dell’Accademia alcune fra le più belle opere realizzate da Michelangelo.

Non è un caso che si trova proprio all’interno di questa splendida sede l’iconica scultura del David risalente al 1501: un vero e proprio simbolo di Firenze e dell’Italia intera, uno dei capolavori più noti del nostro Rinascimento e posizionato all’interno della Galleria a partire dal 1873.

P.S. Guarda il video sotto e ascolta la singolare storia di come “è nato” il David

Oltre alla pregevole statua del David di Michelangelo, la splendida Galleria ospita anche le sculture denominate Prigioni sempre dello stesso grande artista che in precedenza si trovavano presso il Giardino di Boboli assieme al San Matteo e alla Pietà di Palestrina.

Il progetto della Galleria dell’Accademia era stato ragionato proprio per ospitare opere di enorme valore, condizione perfettamente visibile in accordo con un’architettura di grande interesse scenografico.

Assolutamente da vedere al suo interno anche la Madonna del Mare di Botticelli; la Galleria ospita anche il Museo degli Strumenti Musicali al suo interno.

Prezzi e orari di visita

Palazzo Pitti, tra musei, eventi e collezioni di alta moda

Palazzo Pitti
Palazzo Pitti

Fra i musei di Firenze, quasi un discorso a parte lo merita Palazzo Pitti. Voluto da Luca Pitti nel 1440, rappresentava la più maestosa residenza privata della città e si affaccia sul bellissimo Giardino di Boboli.

Oggi all’interno dell’immenso Palazzo Pitti trovano sede alcuni fra i più importanti musei di Firenze.

Al primo piano del Palazzo trova posto la Galleria Palatina, che ospita una corposa selezione di quadri del XVI e XVII Secolo, oltre agli Appartamenti Reali dotati degli arredi del tempo.

Il piano terra è interessato invece, assieme al piano rialzato, dal Tesoro dei Granduchi che invece ospita l’ampia collezione di oggetti preziosi dei Medici.

L’ultimo piano è invece sede della Galleria d’Arte Moderna che invece è sede di una collezione di dipinti molto interessante sui pittori toscani del XIX e XX Secolo.

Spostandoti nella Palazzina del Cavaliere, presso il Giardino di Boboli, c’è spazio per il Museo delle Porcellane; la Palazzina della Meridiana invece ospita il noto Museo della Moda e del Costume dove trovano posto abiti e manufatti della moda degli ultimi 300 anni.

I musei che si trovano all’interno di Palazzo Pitti si possono visitare sfruttando un biglietto unico che permette di accedere ad ogni collezione specifica, in accordo con orari uguali per tutti quanti. Gli unici ingressi “separati” sono quelli ai Giardini di Boboli, al Museo della Porcellana e al Giardino Bardini.

Entrando nello specifico, la Galleria Palatina contiene un’importante e variegata collezione con capolavori di Raffaello, Rubensm Correggio e Tiziano per citarne alcuni.

Per quanto riguarda invece la Galleria d’Arte Moderna, ti troverai di fronte una piacevole collezione di quadri e sculture moderne a partire dal tardo Settecento italiano e fino alla Prima Guerra Mondiale; molto belle le opere di alcuni Macchiaioli.

Il Tesoro dei Granduchi, o Museo degli Argenti, ospita oggetti preziosi fra i quali molti di quelli commissionati allora dai Medici. Fra questi troverai molti oggetti di cristallo, pietre dure, gemme, argenti e elementi in avorio oltre a cammei, orologi e tappeti di pregio.

Il Museo della Moda e del Costume ospitato all’interno di Palazzo Pitti è invece ospitato dalla Palazzina della Meridiana; stiamo parlando di uno fra i musei più importanti al mondo dedicati alla moda. Al suo interno trovano posto oltre 6.000 elementi fra i quali abiti famosi, abiti di scena e costumi teatrali risalenti al periodo che va dal Cinquecento al Novecento. (il museo riaprirà nel 2023)

Concludiamo col Museo delle Porcellane che ospita serviti da tavolo dei Granduchi e dei Medici, dei Lorena e dei Savoia per una collezione decisamente principesca.

Da vedere anche il Giardino di Boboli che rappresenta anche la più vasta area verde e monumentale dell’intera città.

Prezzi e orari di visita

Museo dell’Opera del Duomo di Firenze

Il Museo dell’Opera del Duomo venne realizzato nel 1891 per ospitare le opere d’arte che un tempo venivano rimosse dal Duomo di Firenze o dal Battistero. La gestione è affidata all’istituzione laica fondata poco prima del 1300, ovvero appunto l’Opera del Duomo nota anche come OPA.

Il Museo nasceva con l’intento di fornire un valido riparo dall’inquinamento alle statue che si trovavano all’esterno della pregevole cattedrale fiorentina: oggi è uno dei musei di Firenze più apprezzati e ammirati.

Gode infatti di uno spazio espositivo di oltre 6.000 metri quadrati oltre che di una storia praticamente millenaria. Al suo interno trovano posto oltre 750 opere d’arte disposte in 25 sale distribuite su tre piani.

Il Museo dell’Opera del Duomo è oggi un vero e proprio tesoro nascosto della città di Firenze con un flusso turistico che rimane comunque moderato.

Da vedere al piano terra il Corridoio dell’Opera, la Galleria delle Sculture, il Salone del Paradiso, la Sala della Maddalena e la Tribuna di Michelangelo.

Al primo piano si trova invece la Galleria del Campanile, la Galleria della Cupola, la Sala delle Cantorie e quella del Coro Bandinelliano. Al secondo piano è invece quello della Galleria dei Modelli e del Belvedere della Cupola.

Prezzi e orari di visita

Le Cappelle Medicee, il nascondiglio di Michelangelo

L’itinerario fra i musei di Firenze ci porta ora presso le Cappelle Medicee che rientrano nel prestigioso complesso monumentale di San Lorenzo.

Cappelle Medicee
Cappelle Medicee

Nello specifico, la Chiesa di San Lorenzo rappresentava la chiesa dei Medici fino al termine della loro casata. Le Cappelle nacquero come edifici funerari con il desiderio di essere seppellito nella Sacrestia di Brunelleschi ragionato per primo da Giovanni de’ Bicci de’ Medici nel 1400.

Nel 1520 ci cominciò a realizzare una Sacrestia Nuova grazie al lavoro di Michelangelo che comiciò l0opera partendo dalla pianta della Sacrestia del Brunelleschi; quindi il Cardinale Giulio de’ Medici, che divenne Papa Clemente VII, permise la costruzione del primo vero mausoleo per la sepoltura di alcuni membri della sua ricca famiglia.

Le Cappelle Medicee, raggiungibili dalle spalle della Chiesa di San Lorenzo sono suddivise in tre sezioni distinte: la Cripta, la Cappella dei Principi e infine la Sagrestia Nuova.

La Cripta ospita i membri meno illustri della famiglia dei Medici, la Cappella dei Principi invece ospita un’ampia cupola del Buontalenti oltre ai corpi dei sei Granduchi dei Medici mentre la Sacrestia Nuova realizzata da Michelangelo attorno al 1520 è quella maggiormente rifinita grazie a sculture e statue dedicate e di gran pregio.

Prezzi e orari di visita

Il Museo del Bargello, da prigione a raccolta di sculture

Museo del Bargello
Museo del Bargello

Di notevole interesse fra i musei di Firenze è il Museo Nazionale del Bargello che introduce al suo interno opere relative ad arti minori e soprattutto alla scultura appartenenti a Donatello, Giambologna, Della Robbia e ancora Michelangelo.

Le collezioni provengono ancora una volta da proprietà dei Medici o da donazioni private e trovano posto presso una sala disposta al piano terra e in alcune sale del primo piano che si raggiunge con una scala che si affaccia su uno splendido cortile del Duecento.

Oggi la collezione che si ritrova all’interno del Museo Nazionale del Bargello viene considerata una fra le più interessanti su scala mondiale visto che appunto ospita capolavori di grandi scultori e artisti del passato.

Il Museo venne inaugurato nel 1865 con al piano terra due sale di armi e una sala di scrittura risalente al Cinquecento circa. Al primo piano trovarono invece posto le sculture che provenivano dal Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio che a quel tempo era sede del Parlamento Italiano.

Ulteriori sculture in marmo e in bronzo giunsero invece dalla Galleria degli Uffizi, oltre a quelle provenienti da donazioni private e prestiti. Assolutamente da vedere in un itinerario fra i migliori musei di Firenze.

Prezzi e orari di visita del museo

Museo Galileo – Museo di Storia della Scienza

Fra i musei di Firenze ce n’è anche uno dedicato a Galileo Galilei. Si tratta appunto del Museo Galileo, noto anche come Museo di Storia della Scienza, che conserva ogni tipologia di strumento scientifico realizzato fino al XX Secolo.

Parliamo di uno fra i musei che mettono al centro la storia della scienza più noti a livello globale.

A partire dal 1930 il Museo Galileo trova posto presso il Palazzo Castellani, vicino alla Galleria degli Uffizi, che è comunque uno fra gli edifici più antichi della città. Ancora una volta, molti fra i prodotti disposti all’interno del Museo provengono dalle collezioni appartenenti ai Medici e ai Lorraine.

Fra gli oggetti esposti all’interno delle sue sale ci sono strumenti ottici, chirurgici, astronomici, matematici o legati alle attività della navigazione; molto piacevole la piccola collezione di orologi tascabili.

Di gran pregio la presenza all’interno del Museo del telescopio utilizzato da Galileo Galilei nel 1609 per la scoperta dei monti lunari e dei satelliti di Giove, oltre che del primissimo barometro in mercurio del 1634.

Incredibile il fatto che lo stesso Museo è in grado di ospitare il dito medio di Galileo che gli venne sottratto nel 1737 quando i resti del suo corpo vennero trasferiti all’interno della cripta famigliare.

Prezzi e biglietti del museo

Museo Leonardo da Vinci

Un ulteriore passaggio fondamentale nell’itinerario fra i musei di Firenze è rappresentato dal Museo Leonardo da Vinci, ovvero il luogo ideale per interagire con le innumerevoli e note macchine prodotte e studiate dall’insuperabile Leonardo.

Il Museo posto in Via dei Servi è caratterizzato da una corposa presenza di macchine realizzate proprio da Leonardo da Vinci: all’interno del Museo se ne contano almeno una 60ina.

La loro realizzazione è dovuta agli studi condotti dal Genio di Vinci che ha rivoluzionato sia l’arte che il panorama delle invenzioni. Oggi il Museo Leonardo da Vinci di Firenze è un luogo obbligato nell’itinerario dei musei di Firenze, molto apprezzato da gruppi di ragazzi e anche da famiglie con bambini.

Il ricchissimo percorso espositivo presenta anche diversi pannelli esplicativi realizzati in molteplici lingue comprese diverse riproduzioni in alta definizione delle composizioni più importanti dell’artista e inventore, a cominciare dalla Gioconda passando per l’Ultima Cena, la Dama con l’Ermellino e l’Annunciazione.

Il Museo ospita anche una sezione dedicata a diversi laboratori didattici all’interno dei quali è possibile replicare gli oggetti e i progetti di Leonardo. Modico il costo del biglietto, consigliatissimo fra i musei di Firenze da tenere fortemente in considerazione.

Museo Casa di Dante

Dante Alighieri è sicuramente il poeta più noto in ogni parte del mondo, ma anche il vero padre della lingua italiana. Concludiamo quindi questo tour fra i musei di Firenze con il Museo Casa di Dante.

D’altronde il Sommo Poeta della Divina Commedia nacque proprio a Firenze nel 1265 per essere poi battezzato presso il Battistero di San Giovanni.

La casa natale di Dante Alighieri è divenuta quindi un vero e proprio Museo a partire dal 1965 (nell’occasione del VII centenario della nascita del poeta), tuttavia della conformazione originaria dell’edificio rimane oggi ben poco: la struttura è collocata in pieno centro storico, ovvero in Via Santa Margherita, sebbene la collocazione rispecchia perfettamente le suggestioni del periodo medievale di appartenenza.

Il Museo Casa di Dante si caratterizza per essere un polo storico e didattico che ha l’intento di diffondere la figura di Dante, oltre che i segreti della Firenze medievale del suo tempo.

Le sale ospitano oggetti dell’epoca oltre a ricostruzioni e abiti di allora. Un percorso guidato è in grado di portare il visitatore presso la storica Battaglia di Campaldino alla quale prese parte proprio il Sommo Poeta.

Sul pavimento della piazza antistante l’abitazione di Dante c’è anche un ritratto del poeta del quale però non è nota l’origine.

Prezzi e orari del museo

Mappa dei 10 musei di Firenze

I musei a Firenze di cui ti abbiamo qui brevemente raccontato raccolgono il meglio dell’arte classica e rinascimentale: per ammirare opere d’arte moderna si possono visitare i musei Marino Marini in piazza san Pancrazio, oppure il Centro per l’arte contemporanea Luigi Pecci di Prato.

Altri utenti hanno letto anche

Città e Zone d'Italia famose

Regioni, zone, città e province Italiane più famose dove trascorrere le tue prossime vacanze! Scopri subito cosa fare e vedere...

I più cliccati d'Italia

Ecco alcuni degli articoli sui posti da vedere in Italia che più hanno entusiasmato i nostri lettori

Passeggiando per la Valpolicella: ecco cosa abbiamo visto …

La Valpolicella è la zona collinare che precede l'inizio delle Prealpi Veronesi, in Veneto. Ecco cosa fare e vedere in questa particolare zona del Veneto