Ponte del Ciolo: i tuffi adrenalinici da 30m. di altezza (video)

Il Ciolo è una località in zona Leuca ed è famoso per il suo ponte che collega le due sponde del fiordo più famoso del Salento, ed è qui che persone dal gran coraggio si tuffano

C’è una strana usanza in Salento per dimostrare il proprio coraggio e magari far colpo su qualcuno. Ci si tuffa da un ponte sospeso a oltre 30 metri di altezza. Il ponte serve a passare su quello che è a tutti gli effetti un fiordo, il Ciolo.

Infatti, tra le meraviglie della natura che impreziosiscono numerose il Salento, a Gagliano del Capo, trova posto il Ciolo, un’insenatura naturale della costa rocciosa che si affaccia sul Mar Adriatico.

Il nome Ciolo deriva dal dialetto salentino, dalla parola Ciola che per alcuni significa corvo (numerose erano le grandi nidificazioni di questi uccelli) e per altri si riferisce alle gazze ladre, uccelli presenti sul territorio.

Dal ponte del Ciolo è possibile ammirare la bellezza di questa insenatura dove l’acqua cristallina invita la gente a tuffarsi. Per chi non avesse voglia di provare l’ebbrezza del tuffo e la relativa scarica di adrenalina che ne consegue, nell’insenatura del Ciolo è presente una piccola spiaggia, molto affollata durante il periodo estivo.

Ciolo
Ciolo

Dalla spiaggia è possibile arrivare direttamente al piccolo paese di Gagliano del Capo, percorrendo un sentiero che permette di scoprire le numerose testimonianze della presenza umana, e non, che nel corso dei millenni ha interessato questa zona.

Si parte con i ritrovamenti risalenti al Paleolitico e al Neolitico (nella Grotta delle Prazziche, oggi chiusa al pubblico), passando ai resti di imponenti animali e a reperti fossili, per arrivare alle tipiche paiare salentine e ai muretti a secco (uno dei simboli salentini e pugliesi per eccellenza). Inoltre, la passeggiate permette la scoperta di grotteinsenature e il passaggio nella folta macchia mediterranea che colora la zona.

Il Ciolo è, oltre che luogo di coraggio e di bellezza naturaleun posto ricco di leggende. Molte sono le storie che si raccontano sull’insenatura del Ciolo.

La più suggestiva è quella che narra di uno sbarco dei Turchi, che approfittando dell’insenatura per nascondere la loro nave, giunsero a conquistare e a depredare la vicina Gagliano in pochissimo tempo. Gli abitanti, paralizzati dalla paura degli invasori, non opposero resistenza al saccheggio.

I Turchi, padroni del campo, rubarono anche una grande campana di una chiesa della zona. Tornati con il loro bottino alla nave, senza aver fatto vittime, la grande campana venne fissata sulla prua della nave.

Spiaggia del Ciolo
Spiaggia del Ciolo

Appena salpati, un’enorme onda colpì la nave che si inclinò e fece cadere la campana in mare. Da quel giorno, tradizione vuole che la campana risuoni dagli abissi ogni Vigilia di Natale, anniversario dell’assalto turco.

Di sicuro il Ciolo e il suo ponte meritano una visita per restare senza parole ammirando dal ponte la bellezza del posto.

Se vuoi provare il tuo coraggio un piccolo avvertimento: i tuffi sono molto pericolosi per la presenza di alcune formazioni rocciose al di sotto del ponte che si estendono fino a poche decine di metri verso il mare.

Altri utenti hanno letto anche

Città e Zone d'Italia famose

Regioni, zone, città e province Italiane più famose dove trascorrere le tue prossime vacanze! Scopri subito cosa fare e vedere...

I più cliccati d'Italia

Ecco alcuni degli articoli sui posti da vedere in Italia che più hanno entusiasmato i nostri lettori

Cosa vedere a Firenze, 10 attrazioni da non lasciarsi sfuggire

Se sei alla ricerca di qualche consiglio su cosa vedere a Firenze ecco una succulenta guida che ti devi leggere prima di partire per la meravigliosa Firenze.

Svago e divertimento: ecco cosa fare di bello a Roma di sera

Cosa fare di Bello a Roma? Ecco qualche utile consiglio su come trascorre dei momenti indimenticabili nella Città Eterna di sera