I 6 meravigliosi parchi di Malaga da visitare

Malaga ha un patrimonio naturale, che grazie al quale avrai l'opportunità di scegliere una tipologia di turismo diverso dal solito, in totale relax a passeggio tra i 6 parchi più belli di Malaga. Ecco quali sono

Sebbene sia conosciuta per le sue spiagge e per la brulicante vita nottura, Málaga custodisce un ricco e spettacolare patrimonio botanico, che nasce da una lunga e amorevole dedizione. È per questo che vogliamo ripercorrere i più bei giardini che si trovano in questa città andalusa.

Parque de Málaga

Non si può che iniziare dal Parque de Málaga, situato nel paseo del Parque e limitato dalla alameda Principal e dal paseo de España.

Corre parallelo al muelle del Guadiario e si estende dalla plaza del general Torrijos fino alla plaza de la Marina, per un totale di 30000 metri quadrati se si contano anche il roseto circondato di alberi d’arancio e cipressi, che si trova vicino alla Casa Consistorial, e i così chiamati Jardines de Puerta Oscura, nostra prossima tappa.

È formato da tre viali di 800 metri di lunghezza e 10 metri di larghezza, uno si trova a nord, mentre gli altri due nella zona sud.

♥ Altri utenti hanno letto: Cosa vedere a Malaga: le 15 attrazioni da non perdere

Jardines de Puerta Oscura

Jardines de Puerta Oscura
Jardines de Puerta Oscura

Questi graziosi giardini, che occupano le pendici meridionali delle colline di Gibralfaro, dove sorge l’Alcabaza, sono stai progettati da Guerrero Strachan.

Il successo fu incredibile, in quanto una zona aspera in una bellissima successione di viali, terrazze e piccole rotonde che sorprendono tutti i visitatori che arrivano per la prima volta a Málaga.

I Jardines de Puerta Oscura per una parte fanno da cornice alla muraglia dell’Alcabaza, e la sfida era proprio quella di rendere il tutto armonico, mentre per l’altro lato sono da considerarsi parte integrante di un eccezionale complesso di giardini di cui fanno parte il Parque de Málaga, il parque de Pedro Luis Alonso (nostra prossima tappa), la casa del capo giardiniere e la Aduana.

Parque de Pedro Luis Alonso

Si tratta del più puro esempio di giardino mediterraneo a Málaga. Il disegno è sempre opera dell’architetto Guerrero Strachan, autore della maggior parte dei giardini storici della città.

Questo giardino prende il nome del primo sindaco del dopoguerra e fu iniziato nel 1945 seguendo i canoni dei giardini latini, con caratteristiche che però lo possono far assomigliare sia a giardini ispano-musulmani, così come a quelli francesi.

Tra queste troviamo siepi di cipressi, siepi più basse per dare colore e simmetria, alberi di aranci che portano ombra e intensi aromi fruttati, in contrasto troviamo alcuni stagni, che regalano momenti di freschezza, e voliere, che portano suoni e movimento vitale al tutto.

Questo parco è un’ingegniosa transizione di ciò che troviamo nei dintorni ed inoltre è uno dei migliori luoghi migliori della città dove osservare il binomio tra architettura e ambiente botanico.

Jardín botánico-histórico la Concepción

Gioiello della città, la Finca de la Concepción è il giardino tropicale più bello e importante di tutta Spagna, oltre che uno dei migliori di tutta Europa.

È nato un secolo e mezzo fa e fu dichiarato giardino storico – artistico nel 1943, mentre solo recentemente il comune di Málaga lo ha acquistato, allestito e aperto al pubblico.

Situato a cinque chilometri dal centro città, una sua visita non solo è indimenticabile, ma assolutamente consigliata: l’itinerario che si compie al suo interno è infatti un autentico spettacolo perchè offre un’affascinante sensazione di trovarsi letteralmente sommersi dalla natura tropicale, seppur continuando a stare in Europa.

Al suo interno c’è anche un piccolo museo con statue e mosaici romani, oltre a un’esposizione archeologica.

Parque natural Montes de Málaga

Questo parco, che appartiene alla Agencia de Medio Ambiente, ha un’estensione di quasi 5000 ettari quasi tutto all’interno del comune di Málaga. Al suo interno scorrono cinque affluenti del rio Guadaledina e diversi altri fiumiciattoli, oltre a 150 chilometri di sentieri all’interno del bosco, di cui 45 percorribili.

È un ottimo luogo per chi ama il trekking e le passeggiate a cavallo.

Cementerio Inglés

Come ultima tappa abbiamo pensato a una piccola chicca. Costruito nel XIX secolo, questo è infatti il primo cimitero protestante di tutta Spagna e al suo interno vi si trovano le tombe di diversi importanti personaggi malagueñi. Apre dal martedì al sabato dalle 09:30 alle 14:30, mentre la domenica dalle 09:00 alle 13:00.

Altri utenti hanno letto anche

I più letti sulla Spagna

Cerchi ispirazione per la tua prossima vacanza in Spagna? Ecco gli articoli più letti e piaciuti della Spagna. Parti da qui!